Radice: Pecci, cambiò il modo di giocare

"In questo momento le parole sono superflue, meno se ne dicono, meglio è: abbiamo perso un grandissimo uomo...". Eraldo Pecci, contattato al telefono dall'ANSA, fatica a parlare di Gigi Radice, il tecnico con cui vinse, nel 1976, lo scudetto del Torino, il primo e unico del dopo Superga. Di quella squadra Pecci, oggi commentatore della Rai oltre che scrittore, era il regista. "C'è davvero poco da dire - dice sconsolato -, era un uomo esemplare al quale ero molto affezionato". Due caratteri all'apparenza lontanissimi, Radice schivo e riservato, Pecci esuberante ed estroverso, ma capaci di un rapporto profondo. "Dicevano di lui che era un 'sergente di ferro', invece sapeva essere un uomo molto dolce - ricorda -. Dal punto di vista professionale è stato l'allenatore che ha cambiato il calcio italiano, portando l'Olanda in Italia".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Piemonte in Festa
  2. Gazzetta d'Alba
  3. IdeaWebTv
  4. Targatocn.it
  5. Cuneo Cronaca

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Santo Stefano Roero

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...